EnglishFrenchGermanItalianSpanish

| WEEKEND | TUSCIA – Alcuni appuntamenti del fine settimana nei borghi viterbesi!

0

Alcuni appuntamenti nei borghi della Tuscia viterbese giovedì 15, venerdì 16, sabato 17, domenica 18 ottobre 2020.

*** ( ) ***

“Graffignano. Frammenti di vita quotidiana dai butti del Castello Baglioni”.

Prosegue con successo la mostra dedicata alla collezione di reperti ceramici ritrovati nei butti del Castello Baglioni di Graffignano tra il 2009 e il 2011 dall’équipe di specialisti dell’Università degli Studi della Tuscia diretti dal prof. Giuseppe Romagnoli, archeologo medievista e curatore della mostra.

Numerosi visitatori, provenienti da varie città italiane e dall’estero, hanno potuto ammirare il corredo vascolare del Castello costituito da manufatti decorati in bruno e verde e policromi databili tra la fine del XIV e gli inizi del XVI secolo.

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 15 novembre 2020, dal venerdì alla domenica, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00.

Per prenotare una visita guidata o chiedere informazioni è possibile inviare una mail a museoceramicatuscia@fondazionecarivit.it, chiamare il numero 0761.223674 o recarsi direttamente presso il Museo della Ceramica della Tuscia, via Cavour 67 – Viterbo.

L’evento è realizzato nel rispetto della normativa relativa al contenimento del contagio da COVID-19, pertanto per una visita in sicurezza possono entrare massimo 12 persone alla volta, è a disposizione il gel igienizzante per le mani, è necessario rispettare la segnaletica a pavimento e indossare la mascherina.

*** ( ) ***

Viterbo, torna Cioccotuscia a Palazzo Papale

Un weekend essenzialmente dolce: sabato 17 e domenica 18 ottobre 2020 con la XI edizione di “Cioccotuscia: la cultura dei dolci e dei sapori”

Orario di apertura: 10.30-13 / 15-18; Palazzo dei Papi – sala Alessandro IV

L’evento è organizzato nel rispetto delle misure anti Covid.

Le attività sono previste per un numero limitato di persone. Non ci saranno stand food.

Info: www.cioccotuscia.it / Facebook: www.facebook.com / 393 1248223

*** ( ) ***

Sutri, Beethoven Festival
Chiesa di San Francesco

Sabato 17 ottobre ore 18 l’orchestra vivrà nel pianoforte a quattro mani delle pianiste Francesca a Amato e Sandra Landini, accompagnando il pubblico in uno stupefacente viaggio con “Puccini, Ciajkovskij e la musica sinfonica dell’800”, attraverso rielaborazioni dell’opera Tosca di Puccini, dei balletti “La bella addormentata” ed il “Lago dei Cigni” di Ciaikovski, de “La Gazza ladra” di Rossini nonché del poema sinfonico Les Preludes di Liszt.

*** ( ) ***

Viterbo, Festival di musica classica I Bemolli sono blu 2020
Chiesa di San Silvestro, Piazza del Gesù (tutti i concerti alle ore 18)

a cura dell’Associazione Musicale Muzio Clementi con la direzione artistica del Maestro Sandro De Palma

Giovedì 15 ottobre ore 18,00: Schubert e il suo mondo con Marcello Mazzoni, pianoforte

Sabato 17 ottobre ore 18,00:
Alla Zingarese: Philharmonische Trio Berlin (Violino, Viola, Violoncello) e Sandro De Palma

Johannes Brahms: Quartetto in sol minore op.25 in sol minore
Allegro, Intermezzo, Allegro ma non troppo e Trio; Animato; Andante con moto; Rondò alla Zingarese; Presto

*** ( ) ***

Festival internazionale di teatro “Quartieri dell’arte”

Dal 14 al 16 Ottobre 2020 ore 21.00 – Teatro Pocci – Tuscania
“Berlino non è tua” di Alejandro Moreno, traduzione di Gian Maria Cervo e Alberto Pichardo y Gallardo
Regia di Alessio Pizzech con Turi Moricca
Lo spettacolo è una nuova produzione di Siciliateatro diretta da Alessio Pizzech. Il giovane attore Turi Moricca incontra la scrittura passionale – dai toni che ricordano la drammaturgia di Sarah Kane e la cinematografia di Pedro Almodovar- di Alejandro Moreno, autore e cineasta cileno, restituita in una nuova versione di Gian Maria Cervo e Alberto Pichardo y Gallardo.

sabato 17 Ottobre 2020 ore 17.00 – Piazza Umberto I – Bassano Romano
“Caravaggio e il teatro” di e con Gianni Papi, uno dei più grandi studiosi del “pittore maledetto” ci offre ipotesi di rapporti tra Caravaggio ed il teatro aprendoci nuove porte sul mondo di Michelangelo Merisi

18 Ottobre 2020 a partire dalle ore 12.00 – Piazza Umberto I – Bassano Romano
“Cecco del Caravaggio”, di Gian Maria Cervo e Francesco Di Mauro
Cecco del Caravaggio si è sviluppato grazie a una scoperta fortuita e misteriosa, accompagnata da circostanze “junghiane” come dice uno degli autori, Gian Maria Cervo, verificatesi tra il Teatro Stalla Matteo Latino di Mattinata e il Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo. Mentre Cervo si trovava in visita alla grotta del Santuario, infatti, in una pausa di riposo da una residenza drammaturgica e dopo aver parlato per 3 giorni di Caravaggio e del suo modello, assistente e compagno Cecco, scorse un graffito dalla datazione non chiaramente leggibile, inciso con grande maestria da un Francesco Boneri, bresciano. Francesco Boneri è il vero nome di Cecco del Caravaggio e sono ancora in corso delle ricerche per capire se il Francesco Boneri autore del bellissimo e artistico graffito possa essere un membro della famiglia a cui apparteneva Cecco, una famiglia storica di pittori e artisti visivi, attiva in Lombardia come minimo dal Cinquecento.
Dalle incredibili circostanze è nata una narrazione affascinante a cui hanno partecipato artisti noti e emergenti a livello nazionale e internazionale: tra questi Fausto Cabra, apprezzato giovane attore shakespeariano che ha aperto, nel ruolo di protagonista (Vindice) quest’anno, la scorsa stagione teatrale del Piccolo Teatro di Milano, ponendosi al centro dell’attesissima messa in scena del grande regista britannico Declan Donnellan; Federico Russo, giovanissimo attore protagonista delle serie della Disney Italia, assediato dalle teenager durante le fasi di sviluppo del progetto, Christin Vahl una delle più apprezzate scenografe e costumiste del teatro tedesco e internazionale.
Il progetto trova una sua prosecuzione con uno spettacolo ibrido tra museo, teatro e cinema a Bagnaia dove Cecco ha realizzato l’unico affresco della sua vita: THE CECCO CYCLE – Poesie di AlbertOstermaier

Info: https://quartieridellarte.it/programma-2020/

*** ( ) ***

Tuscania, domenica 18 ottobre 2020, ore 18
Supercinema

Drama Sound City di Stalker Teatro

Dopo l’evento speciale del Focus Giovani, prosegue la stagione 2020 di TWAIN_Centro Produzione Danza sotto la direzione artistica di Loredana Parrella con una programmazione che mette in contatto la sperimentazione e la tradizione della danza contemporanea attraverso un’accurata selezione di compagnie storiche e nuove talentuose formazioni coreutiche, senza dimenticare il teatro e la musica dal vivo che completeranno la proposta autunnale.

La compagnia di fama internazionale Stalker Teatro presenterà “Drama Sound City”, una performance dal forte impatto visivo e musicale che si rivolge a un pubblico eterogeneo, curioso e attento alle novità. Un spettacolo visionario, un ponte tra electro music e performing art. L’opera, in cui si intrecciano arte visiva e performativa, musica elettronica e pop sperimentale, conduce lo spettatore attraverso sei scene/quadri visionari, scanditi da luci, azioni e suoni che compongono e scompongono geometrie della periferia cittadina come in un time lapse che ne cattura le rapide trasformazioni, cogliendone i caratteri più solitari, notturni, enigmatici.

La compagnia Stalker Teatro è attiva professionalmente dagli anni ’70 nel campo della performance art ed è riconosciuta dal Dipartimento dello Spettacolo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali; sviluppa la propria ricerca nel rapporto tra performance e arti visive, producendo spettacoli ed eventi partecipati con una forte vocazione sociale. Dal 2002 Stalker Teatro ha sede operativa a Torino, dove ha creato in intesa con la Città di Torino e la Regione Piemonte, le Officine per lo Spettacolo e l’Arte Contemporanea “Caos” e dove svolge un programma articolato di stagione, festival e residenza artistica. Dal 2010 le produzioni della compagnia sono state presentate in diverse location e festival internazionali in Europa e oltre: Spagna, Francia, Polonia, Austria, Svizzera, Belgio, Olanda, Portogallo, Danimarca, Svezia, Germania, Inghilterra, Scozia, Israele, Lituania, Russia, Corea del Sud, Cina, Hong Kong.

Per info e prenotazioni scrivere a info@cietwain.com o chiamare i seguenti numeri 3382051200 – 3203120850.

A spasso nella Tuscia viterbese nel fine settimana. Il calendario degli eventi di venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 ottobre 2020.

“In cammino tra le meraviglie” dalle Torri di Orlando a Sutri

Al via il secondo appuntamento “In cammino tra le meraviglie” organizzato dalla Regione Lazio sui percorsi della Rete dei Cammini.

Questa volta è il turno della Francigena Nord che percorreremo nel tratto che dalle Torri di Orlando (Capranica) porta a Sutri.

La partecipazione è limitata ad un massimo di 100 persone che dovranno prenotarsi scrivendo a retecamminilazio@regione.lazio.it

L’evento è realizzato in collaborazione con il Corpo Italiano di San Lazzaroe la Via Francigena in Tuscia-Viterbo.

Appuntamento domenica 18 ottobre 2020 alle ore 8.45 al Teatro Romano di Sutri.

*** ( ) ***

Torre Alfina (Acquapendente): Trekking nelle Terre Dei Cahen

Evento organizzato da Bosco Del Sasseto, Cooperativa L’ApeRegina e Museo del fiore. domenica 18 ottbre 2020
Escursione guidata nelle proprietà del Marchese Cahen, dal Bosco del Sasseto al Castello di Torre Alfina, fino alla Riserva naturale Monte Rufeno, passeggiando lungo i sentieri “natura del fiore” e “La Scialimata” con pranzo al cestino autonomo al Mulino sul Torrente Subissone. Tappe intermedie di visita al Castello di Torre Alfina e al Museo del fiore.

Programma:

Ore 9.00: appuntamento in Piazzale Sant’Angelo a Torre Alfina presso la biglietteria del Bosco del Sasseto
Ore 9.15-11.15: spostamento a piedi e partenza per la visita al Bosco del Sasseto
Ore 11.30 – 12.30: visita guidata al Castello di Torre Alfina
Ore 12.30 – 13.00: trasferimento in auto fino all’ingresso n. 4 della RN Monte Rufeno per consumare il proprio pranzo al cestino nel Giardino Botanico antistante il Museo del fiore e visita libera alla struttura
Ore 14.15 – 16.00: ripresa dell’escursione lungo il sentiero natura del fiore fino al Mulino sul torrente Subissone e lungo un tratto del sentiero “La Scialimata”, fino al casale Podernovo e rientro al parcheggio.

Percorso medio – difficile di 11.5 km e durata 5.5 ore di camminata. Tracciato prevalentemente su sentiero e per brevi tratti a piedi di strada bianca, tutto all’interno di area boscata. La guida accompagnerà tutte le visite e le escursioni. Sconsigliato sotto i 6 anni.
Costo: ordinario € 17.00 – ridotto (7-12 anni) € 13.00 – gratuito

Info e prenotazioni: boscodelsasseto@comuneacquapendente.it; 0763-719206 – 388.8568841 (anche whatsapp)

*** ( ) ***

Passeggiata alla Selva del Lamone

Per celebrare il 25esimo anniversario dell’istituzione della riserva naturale regionale “Selva del Lamone” l’ente parco e il comune di Farnese, in collaborazione con l’associazione culturale Comunità narranti presentano una passeggiata-racconto nuova di zecca: “Pinocchio e Tiburzi a Farnese”. Partecipano Giovanni Antonio Baragliu, Antonello Ricci, Caterina Pisu, archeologa, direttrice del locale museo civico e Marco D’Aureli, direttore del museo del brigantaggio di Cellere; intermezzo a cura della narratrice di comunità Maria Morena Lepri.

L’appuntamento: domenica 28 ottobre,  alle ore 9 a Farnese davanti alla sede della riserva naturale regionale “Selva del Lamone” in località Bottino.

Info 0761/458159; Riserva 0761/458861 (interno 5-6) info@visitfarnese.it – lamone2005@libero.com

*** ( ) ***

Vitorchiano – il Moai e la Cascata di Martelluzzo

Una bellissima escursione ad anello adatta a tutti, tra necropoli, cascate, guadi, case ipogee, ponti e vie cave, è quella che vi proponiamo per domenica 18 ottobre 2020.
Il nostro percorso partirà da Vitorchiano comune a due passi da Viterbo, che si erge su una rupe di peperino tra i meglio conservati e più belli del Lazio. Un paese ricco di storia e di scorci, la cui bellezza lascia il visitatore senza parole. Arriveremo dopo circa 1ora e mezza alle rovine di Corviano e alla sua necropoli per concludere il giro con l’emozionante Cascata Martelluzzo.
Il giro terminerà nel centro storico di Vitorchiano. Giunti al paese andremo a visitare il MOAI.
Si tratta di una gigantesca statua, alta sei metri, in peperino, che riproduce i monoliti antropomorfi dell’Isola di Pasqua “I Moai”. Il termine “moai” indicava la casta di razza bianca che abitava l’isola di Pasqua che realizzò tutti i Moai presenti sull’isola, e si narra che tale razza detenesse il segreto della pietra per realizzarle. L’opera venne realizzata a Vitorchiano nel 1990 da undici maori della famiglia Atan, originaria di Rapa Nui, giunti in Italia per promuovere il restauro delle loro statue. Viste le caratteristiche della pietra locale “il peperino” corrispondenti alla pietra vulcanica con cui sono realizzati i Moai originali, al team cileno risultò facile e diretta la riproduzione del monumento utilizzando le stesse tecniche di realizzazione con asce e pietre. Questa statua rappresenta l’unica scultura Moai al mondo presente al di fuori dell’Isola di Pasqua
Appuntamento ore 9.30 a Vitorchiano in Piazza Umberto I
Caratteristiche escursione: Difficoltà: E Dislivello: 380 m circa Lunghezza: 12.00 km circa Durata: 6 ore circa
Info e prenotazioni:preferibilmente via whatsapp indicando nome e cognome dei partecipanti, n° tessera Federtrek (si può registrare la mattina dell’escursione) ai numeri: Gianni Onorati 3283712494; Franchini Francesco 3385731180; Alessandro Raffaelli 3283113778 Accompagnatori AEV.

In forza delle disposizioni anti COVID-19 non ci è possibile organizzare il car pooling e assegnare i posti. Tuttavia, al momento della prenotazione puoi indicarci se hai o non hai l’auto: ti metteremo in contatto con gli altri associati che offrono o chiedono un passaggio.Obbligatorio l’utilizzo di scarpe da trekking, preferibilmente medi o alti;
zaino adatto al trasporto del necessario per la giornata; abbigliamento adatto ad una escursione e alla permanenza in montagna o in natura e di tutto quanto il partecipante ritenga di aver bisogno. Necessario un capo impermeabile da indossare all’occorrenza come strato più esterno protettivo. Pranzo al sacco. Consigliati 2 litri d’acqua e bastoncini telescopici. Qualora gli accompagnatori giudicassero non adeguato l’equipaggiamento posseduto dall’escursionista potranno optare per non accettarne la partecipazione all’attività. Contributo associativo di partecipazione per l’escursione 10 euro. Evento riservato ai soci in regola con il tesseramento (tessera Federtrek 15 € ove non presente, durata 365 gg dalla sottoscrizione).

Info: https://www.noitrek.it/course/vitorchiano-il-moai-e-la-cascata-di-martelluzzo/

Share.