EnglishFrenchGermanItalianSpanish

| #DINTORNIDELLATUSCIA | L’Eremo di Greccio – GRECCIO

0

Il santuario Eremo di Greccio è uno dei quattro santuari eretti da San Francesco nella Valle Santa, insieme al santuario di Fonte Colombo,  al santuario della Foresta, e il santuario di Poggio Bustone. Sito a circa 15 km dal capoluogo di provincia di Rieti, è incassato, ad un’altitudine di 665 m s.l.m., nella roccia dei monti nelle immediate vicinanze dell’antico borgo medievale di Greccio con uno splendido affaccio sull’ampia conca reatina.

| #DINTORNIDELLATUSCIA | L'Eremo di Greccio - GRECCIO

Sotto la moderna mensa dell’altare, la roccia viva dove il Santo depose il Simulacro di Gesù, mentre sulla parete retrostante, un pregevole affresco di scuola grottesca rappresenta, in due scene, il Presepio di Greccio e la Natività di Betlemme con l’immagine della Vergine nell’atto di allattare il Bambino Gesù. All’estremità della lunetta, la Maddalena, protettrice degli eremiti.

| #DINTORNIDELLATUSCIA | L'Eremo di Greccio - GRECCIOL’affresco che rappresenta il Presepio di Greccio e la Natività di Betlemme

Nel Presepio di Greccio viene riproposta l’iconografia dell’omonima scena dipinta da Giotto nella Basilica Superiore di Assisi: Francesco, che indossa la dalmatica bianca dei diaconi, inginocchiato, adora il Bambino, in alto, a destra, il sacerdote celebra la messa. Dietro Francesco sono raffigurati tutti gli altri protagonisti di quell’evento: in primo piano, l’uomo vestito di una lunga tunica rossa è, secondo la tradizione locale, Giovanni Velita, il nobile grecciano discendente dei conti Berardi di Celano che diventò grande amico di Francesco, alla sua sinistra, sua moglie Alticama Castelli di Stroncone ed il popolo di Greccio. Numerosi sono i tesori artistici custoditi fra le antiche mura del Santuario.

LEGGENDA E COSTRUZIONE

Le voci su come san Francesco abbia scelto questo luogo scosceso si rincorrono ma la più suggestiva è sicuramente quella del bambino a cui il poverello di Assisi fece lanciare un tizzone il quale, volando come una saetta, terminò la sua corsa sulla parete rocciosa di un monticello di proprietà di un feudatario di Greccio, tale Giovanni Velita. Lì venne costruito l’attuale eremo.

Lo stesso Velita nel 1223 spinse San Francesco a dare vita ad una splendida rievocazione, con personaggi viventi, della nascita del Cristo nella Notte di Natale. La leggenda narra che il bambinello, unico personaggio non vivente della rievocazione, prese vita per poi tornare inanimato. Da allora Greccio ed il suo santuario sono il paese del primo presepe nel mondo. In seguito venne gemellata con Betlemme.

Share.

Comments are closed.