EnglishFrenchGermanItalianSpanish

| 5 SETTEMBRE 2021 | VITERBO – In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa

0

Tutto pronto per la prima tappa della manifestazione “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”.

L’itinerario naturalistico e religioso di rara bellezza attraversa boschi, sorgenti e castelli medioevali, rievocando l’esilio subito dalla santa patrona di Viterbo il 4 dicembre del 1250.

La manifestazione quest’anno è alla sua diciassettesima edizione ed è organizzata come sempre dall’associazione Take off. E’ patrocinata dal Comune di Viterbo e ha ottenuto, tra gli altri, come negli anni precedenti, anche il patrocinio del Sodalizio Facchini di Santa Rosa e della Gramas (Rete delle grandi macchine a spalla e di conseguenza anche quello dell’Unesco – patrimonio immateriale dell’umanità).

Tutto accadde nel mese di dicembre del 1250, in pieno inverno, quando la giovane Rosa, insieme alla sua famiglia, fu costretta all’esilio e dovette raggiungere a piedi, da Viterbo, prima Soriano nel Cimino, luogo comandato dal podestà viterbese, poi Vitorchiano prima del suo rientro in città e della sua morte che avvenne poche settimane dopo, precisamente il 6 marzo 1251.

Il suggestivo percorso è stato, come ogni anno, verificato e liberato dai rovi e dalle erbacce grazie all’impegno dell’Associazione Gea – gestione e educazione ambientale sempre presente per quanto riguarda la pulizia del tratto all’interno della tenuta di sant’Egidio.

L’iniziativa consolidata nel tempo, rievoca un fatto tra i più importanti della vita di Santa Rosa. Camminare in quei luoghi dove è transitata la Santa esiliata da Viterbo, a stretto contatto con la natura e il silenzio, rappresenta un ritorno alla dimensione umana e la riscoperta di valori religiosi e culturali antichi ma ancora attuali.

Ad assistere i partecipanti lungo il percorso saranno i Cavalieri del soccorso della città di Viterbo. Ad accompagnare il gruppo le guide turistiche Massimo Agneni e AnnaRita Properzi.

INFORMAZIONI: i dettagli relativi a questa iniziativa si potranno trovare sulla pagina Facebook “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa da Viterbo”. La manifestazione si svolgerà nel massimo rispetto del distanziamento e della normativa anticovid. Prenotazione necessaria,  telefonando ai numeri 3281670365, 3334912669 e 3382129568

APPUNTAMENTO: Domenica 5 settembre ore 8,30 a Viterbo in piazza della Crocetta. Si partirà subito al termine delle iscrizioni.

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO: lunghezza di circa 16 chilometri, difficoltà media,  dislivello 300 metri, percorso quasi interamente all’interno dei boschi sui sentieri dei Monti Cimini (molto verosimile a quello compiuto da santa Rosa nel 1250), che da Viterbo porta a Soriano nel Cimino.

COSTO: 10€ a persona, i bambini fino a 10 anni non pagano; possibilità di acquisto del biglietto del treno per il ritorno costo 1.10€.

PRANZO: pranzo al sacco con possibilità di prenotare alla partenza un cestino per il pranzo al costo di 6€.

ITINERARIO: da piazza della Crocetta si uscirà dal centro attraverso via Genova, via Belluno e strada Palanzana. Poco prima dell’eremo della Palanzana si percorrerà una strada che attraversa il Parco dell’Arcionello, fino alla strada Romana. Qui ci sarà una prima sosta con un punto di ristoro.

La camminata proseguirà per strada Novepani, fino all’attraversamento della strada provinciale Piangoli, per arrivare alla sorgente Acquaspasa.

L’arrivo alle sorgenti, attraverso antichi sentieri e mulattiere, è previsto per le 13 circa. In questo luogo esiste un’area attrezzata con panche e tavoli ed è prevista una sosta per il pranzo.

Verso le 14 il cammino riprenderà, all’interno del bosco, salendo verso il punto più alto del percorso, rispetto al livello del mare, circa 750 metri di massima altitudine, dopo aver percorso 13 chilometri e 600 metri circa.

L’arrivo a Soriano nel Cimino, attraverso i boschi, è previsto intorno alle ore 16 e il ritorno a Viterbo avverrà con mezzi propri, con bus, o con l’utilizzo del trenino Met.Ro (ex ferrovia Roma Nord).

Share.

Comments are closed.