EnglishFrenchGermanItalianSpanish

| 1 MAGGIO 2021 | MONTE ROMANO – Lungo la Via Clodia fino al Castello di Rocca Respampani

0

Con il ritorno in Zona Gialla e la possibilità di spostarsi dai propri comuni, riprendono le passeggiate tra le meraviglie della Tuscia. Quale migliore occasione se non un’escursione guidata all’interno dell’ampia e bella Tenuta di Rocca Respampani con i suoi scorci, aperti e soprattutto mai affollati?

La proposta di Anna Rita Properzi  per sabato 1 maggio è un itinerario di grande fascino naturalistico e storico che permette di camminare in parte sull’antico tracciato della via Clodia, con un percorso ad anello. Si potranno ammirare specie arboree tipiche della macchia mediterranea e molti fiori selvatici. Si partirà del centro dell’Azienda Agricola Rocca Respampani, Borgo Rio Secco, dove si trova la moderna chiesa dedicata a Sant’Antonio Abate

Questa splendida ed impervia parte della Tuscia, ancora oggi coperta da un fitto bosco, era attraversata dall’antica via la Clodia, proveniente dalla città di Norchia e prima ancora da Blera. La strada Consolare Romana fu costruita nel III secolo a. C, e ricalcava il più antico tracciato etrusco realizzato per mettere in comunicazioni le città che continueranno la loro vita anche in epoca altomedievale e medievale.

La Rocca Respampani fu edificata su un suggestivo sperone tufaceo, dove si trovano oggi interessanti ruderi del castello medievale, della chiesa e dell’abitato che fu abbandonato alla fine del XVI secolo a favore di un nuovo ed ambizioso progetto, un palazzo – fattoria, dignitoso ed elegante per ospitare il governatore e il suo seguito di funzionari. Sorse così la Rocca Nuova.

Partendo da Borgo Rio Secco, attraverso un bosco di querce e cerri, si raggiunge uno spiazzo dove si trovano delle grotte molto grandi, alte e profonde, con antiche iscrizioni all’interno. In alcuni casi si possono riconoscere tombe etrusche riutilizzate, di certo si sa che furono abitazioni e ricovero per animali, perché ci sono vari segni e date risalenti al XVII secolo. Riprendendo lo stesso sentiero si ritorna nello stradone che conduce sotto il castello seicentesco, chiamato Castello Nuovo.

Il possente edificio ad un primo sguardo ricorda più un palazzo nobiliare, specie per la sua maestosa facciata principale, racchiusa da due “torri” a guardia del ponte chiamato di Fra Cirillo, che attraversa il fiume Traponzo.  A questo punto si inizierà a scendere fino al fiume  per camminare sul basolato dello splendido ponte fatto costruire da Fra Cirillo Zabaldani nel XVI secolo.

Nelle vicinanze del ponte, sul sentiero che conduce alla Rocca Vecchia, si possono ammirare delle interessanti formazioni geologiche di ignimbriti tefritico-leucitiche, caratterizzate da inclusi lavici e scorie, legate all’attività di emissione del Distretto Vulcanico Vulsino. Il paesaggio contraddistinto da pascoli e vaste boscaglie è selvaggio, misterioso e fuori dal tempo. Attraverso una strada carrabile si farà ritorno al centro dell’azienda agricola, completando il percorso ad anello.

INFORMAZIONI E DETTAGLI 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione professionale RC attiva. Contatti anche tramite whatsapp 333 4912669 e canale telegram https://t.me/lepasseggiatediannarita o tramite mail annaritaproperzi@gmail.com;

COSTO ESCURSIONE: 15,00 euro a persona; gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni; ridotto a 10€ dai 12 ai 16 anni.

APPUNTAMENTO: previsto alle ore 9.30 davanti alla Chiesa di Sant’Antonio, Borgo Rio Secco centro dell’Azienda Agricola Rocca Respampani. Fine escursione intorno alle ore 16.30

CARATTERISTICHE DEL PERCORSO: Il percorso ha una difficoltà media; è un anello di circa 13 km, con 150 metri di dislivello a scendere e salire; si svolge su strade di campagna sterrate.

PRANZO: al sacco, 1 litro di acqua a testa.

ABBIGLIAMENTO: importante indossare scarpe da trekking o con suola antiscivolo, abbigliamento adeguato alle condizioni meteo (è consigliabile portare un capo impermeabile, anche un kway) e per chi è abituato ad usarli i bastoncini sono consigliati, una buona scorta d’acqua, kit anti-Covid-19 (mascherina e gel igienizzante).

Share.

Comments are closed.