EnglishFrenchGermanItalianSpanish

| 10 LUGLIO 2021 | TUSCANIA – Le basiliche romaniche e la casa-museo di Bonaria Manca la pittrice pastora

0

Un appuntamento speciale che vi condurrà dalle basiliche romaniche di S. Pietro e S. Maria Maggiore a Tuscania, alla Casa Museo di Bonaria Manca la pittrice pastora, due scrigni di simboli, per ricordare l’artista nel giorno in cui è nata. Conclusione  finale tra i colori dei campi di lavanda.

Tuscania antica città, patria in tutti i tempi di artisti e poeti, affascinati dalla terra etrusca dai colori e dai simboli non poteva lasciare immune una donna anticonvenzionale e sensibile che sulle pareti della sua casa ha raccontato la sua vita Bonaria Manca la pittrice pastora.

Inizia con questa visita un ciclo dedicato alle case e agli studi degli artisti che sono nati o hanno scelto come patria la città di Tuscania.
Sabato 10 luglio sarà un’occasione speciale per scoprire la Casa dei Simboli e la figura di donna ed artista di Bonaria Manca nel giorno in cui la pittrice avrebbe compiuto 96 anni. La Pittrice Pastora ci ha lasciato il 17 ottobre del 2020.

Il nostro percorso inizierà dalle testimonianza del glorioso passato medievale con le due basiliche romaniche, scrigni di simboli medievali, che offrono riparo con la loro penombra e frescura dal caldo estivo.

Le basiliche rappresentano due capolavori dell’arte romanica a Tuscania, fiorente centro etrusco interno che si sviluppa grazie alla sua posizione su un importante nodo viario. Deve la sua ricchezza in epoca romana e medievale ad una importante strada consolare la Via Clodia sul cui
tracciato rappresenta una delle tappe più interessanti per la ricchezze naturalistiche artistiche ed archeologiche.

In occasione della fioritura della lavanda la giornata avrà un finale colorato e rinfrescante su un bellissimo campo ancora in piena fioritura, che Bonaria Manca avrebbe sicuramente amato. Si potrà conoscere l’utilizzo, e la tradizione nata più di 15 anni fa grazie ai produttori che hanno avuto l’idea ed il coraggio di sperimentare la coltivazione della pianta aromatica.

Oggi il cuore più antico della città è ancora protetto dalle mura medievali ancora ben conservate ed è dominato dai ruderi dell’antico palazzo comunale del Rivellino. Ferita profonda nell’anima della città fu inflitta dal terremoto del 6 febbraio 1971, dopo il quale Tuscania fu accuratamente
ricostruita e ritornò agli antichi splendori con uno splendido centro storico ed un parco panoramico sulle mura della città che meritano assolutamente una visita.

PER INFORMAZIONI: 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida Turistica autorizzata e Guida Ambientale Escursionistica associata ad AIGAE con polizza assicurativa RC attiva. Potete prenotare le passeggiate sul sito https://annaritaproperzi.it/; oppure scrivere tramite messaggio WHATSAPP, mail annaritaproperzi@gmail.com; o telegram ttps://t.me/lepasseggiatediannarita;

APPUNTAMENTO: Sabato10 luglio ore 16.00 davanti alla Basilica di Santa Maria Maggiore, da dove inizia al fresco e all’ombra la visita e a seguire la Basilica di San Pietro. Terminata la visita delle basiliche, si raggiungerà in auto la Casa Museo di Bonaria Manca. Al termine visita rinfrescante di uno dei campi di lavanda più belli e rigogliosi vicino Tuscania.

COSTO: 17€ che comprende visita guidata alle basiliche e contributo per la Casa Museo di Bonaria; gratuita per i bambini fino a 14 anni. Ingresso nell’azienda produttrice di lavanda gratuito.

ABBIGLIAMENTO: scarpe comode e chiuse, abiti leggeri, cappellino, acqua. Dotarsi di mascherina e gel sanificante

Share.

Comments are closed.