| 14 OTTOBRE 2017 | VITERBO – “E per molti ritorno non fu”, musiche e canti dalla grande guerra!

0

XIII Stagione concertistica pubblica dell’anno accademico 2017-2018. Nell’Auditorium di S. Maria in Gradi, sabato 14 ottobre 2017, alle ore 18 si terrà il concerto “E per molti ritorno non fu. Musiche e canti dalla Grande Guerra”

Direttore artistico: Franco Carlo Ricci

Concerto in collaborazione con ANCeSCAO di Viterbo

Con la partecipazione de “I Fiati dell’Alta Tuscia” e di due corali diretti da Marco Taschini

Prima parte: “La belle époque”

Quando la guerra non c’era ancora

Claude Debussy

(Saint-Germain-en-Laye, 1862-Parigi, 1918)

Gollowing cakewalk

Autori vari: “W l’operetta”

(Pout pourri di celebri motivi dell’operetta in voga in Italia prima dell’entrata in guerra)

Seconda parte: 1914

Scoppia la guerra….ma non per tutti

L’Italia divisa tra neutralisti e interventisti.

La ragazza neutrale, canzone simbolo dei neutralisti diffusa in quegli anni.

Canzone Garibaldina, simbolo dei sindacalisti interventisti

Terza parte: 1915

L’Italia entra in guerra.

L’ultimo atto dell’unificazione nazionale.

Giuseppe Verdi

(Le Roncole, 1813-Milano, 1901)

Ernani, marcia

Nabucco,  “Va pensiero”

Goffredo Mameli

(Genova, 1827-Roma, 1849)

Il canto degli italiani

  1. Medori

Inno popolare viterbese

(scritto in occasione dell’annessione di Viterbo

al Regno d’Italia)

Giuseppe Verdi

(Le Roncole, 1813-Milano, 1901)

Inno delle nazioni

Quarta parte: “Canta che ti passa”

La musica di propaganda e quella di protesta dei soldati italiani.

Trenta giorni sull’Ortigara

La tradotta che parte da Novara

Monte Canino

O Gorizia

Addio padre e madre addio

La leggenda del Piave

‘O surdato ‘nnammurato

 

Biglietti: intero 9 euro. Abbonamento intera Stagione 170 euro (Ridotto 5 euro per Personale docente e non docente delle Università, Studenti delle Università, dei Conservatori e delle Scuole secondarie)

La biglietteria è aperta dalle ore 16.

L’accesso è da Via Sabotino 20 (ampio parcheggio interno)

Info: Francesco Della Rosa. Tel. 0761.357.937; 348.793.1782. E-mail: delrosa@unitus.it

Condividi